La testa del generale assiro Oloferne, ucciso da Giuditta, evocata nell'iscrizione posta sul basamento, ha una grande forza drammatica. Il soggetto è adatto alla meditazione sul peccato – Olferne personifica il Vizio sconfitto dalla Virtù incarnata da Giuditta – e sulla morte.
Autore
Orazio Marinali
Cronologia
Fine XVII sec.
Materiale e Tecnica
Marmo; tutto tondo
Dimensioni
Altezza: 33 cm
Larghezza: 44 cm
Profondità: 37,5 cm
Inventario
109
Stato di conservazione
Buono