Il calice di vetro calcedonio purpureo presenta il piede applicato, lo stelo soffiato con rigonfiamento nella parte inferiore e un basso rocchetto di connessione tra lo stelo e la coppa.
Questa qualità di calcedonio fu fornita ad Antonio Salviati, imprenditore vicentino fra i principali artefici della rinascita del vetro veneziano nell'Ottocento, dal maestro vetraio Lorenzo Radi.
Ambito Culturale
Venezia, Lorenzo Radi per Salviati & C.
Cronologia
XIX sec.
Materiale e Tecnica
Vetro; soffiatura
Dimensioni
Altezza: 15,2 cm
Diametro: 7,4 cm
Inventario
300
Stato di conservazione
Buono